HomeEtica e InnovazioneSviluppo territoriale e giovani, protocollo d'intesa tra ANCI e FIRA

Sviluppo territoriale e giovani, protocollo d’intesa tra ANCI e FIRA

Sviluppo territoriale, protocollo d’intesa tra ANCI e FIRA (la Finanziaria Regionale Abruzzese) per creare nuove opportunità per i giovani.

Il protocollo d’intesa per lo sviluppo territoriale

Cooperare per la realizzazione e lo sviluppo di progetti e azioni comuni sui temi dello sviluppo territoriale, innovazione e ricerca, transizione ecologica e digitale, imprenditorialità, turismo e cultura connessi alla creazione di opportunità di crescita e integrazione socioeconomica della popolazione giovanile.

È su questo terreno di attività che l’Associazione Nazionale Comuni italiani e FiRA SpA – Finanziaria regionale abruzzese, hanno sottoscritto un protocollo d’intesa, firmato dal vicepresidente vicario di Anci, Roberto Pella e dal presidente di FiRA Giacomo D’Ignazio.

Gli obiettivi

Tra gli obiettivi della collaborazione figurano, da un lato, il supporto delle collettività locali attraverso la promozione di progettualità per la crescita, la valorizzazione e lo sviluppo territoriale e imprenditoriale, in particolare per la promozione dell’imprenditorialità giovanile; dall’altro la diffusione e crescita della cultura imprenditoriale presso la popolazione giovanile anche in ottica di scambio intergenerazionale nei comuni a rischio spopolamento e delle aree interne.

Le dichiarazioni

La firma del protocollo – dichiara Giacomo D’Ignazio – è un altro tassello della strategia di sviluppo socioeconomico che la FiRA, ormai da anni, sta costruendo non solo a livello locale, ma anche su scala nazionale, cooperando in maniera sempre più mirata con altri enti territoriali. Ma il valore aggiunto di questo accordo, è che le azioni di sistema che saranno messe in campo dalla Finanziaria regionale e da ANCI, hanno come destinatario privilegiato la popolazione giovanile, perché le iniziative congiunte che andremo a costruire hanno come focus la creazione di opportunità di crescita e integrazione proprio dei giovani. In questo contesto – conclude il presidente di FiRA -, il protocollo pone le basi per avviare progetti pilota per il sostegno all’imprenditorialità giovanile, per il rafforzamento delle competenze e delle professionalità dei giovani, ma anche per la valorizzazione economica delle aree interne a rischio spopolamento”.

Anci ha una esperienza significativa di supporto tecnico e formativo ai Comuni rispetto alle progettualità indirizzate alla popolazione giovanile e realizzate in partenariato tra pubblico e privato, un’azione che negli ultimi anni si è sempre più rafforzata sui territori rendendosi efficace grazie anche all’attività di monitoraggio e misurazione dell’impatto svolta dalla nostra Associazione – evidenzia Roberto Pella – Insieme al ministro per i Giovani, Andrea Abodi, e al Dipartimento per le politiche giovanili, abbiamo l’obiettivo comune di perseguire e assicurare lo sviluppo di opportunità e processi di crescita socioeconomica e di inclusione delle comunità giovanili locali, con particolare riferimento alle aree più svantaggiate, come le periferie urbane o le aree interne del nostro Paese. Sono convinto che il Protocollo – conclude Pella – rappresenti un tassello fondamentale in questa direzione, nel fare sì che sui territori, non solo abruzzesi, possano innestarsi fattori di attrattività e possano essere generate occasioni di valore a beneficio dell’imprenditoria giovanile locale, grazie al nostro impegno e alla nostra cooperazione.”

Per maggiori informazioni visita il sito FiRA.

(Fonte: FIRA)

POST CORRELATI DA CATEGORIA

ULTIMI POST

luglio, 2024

Speciale Startup Easy Italiaspot_img