HomeAgritechSiccità: monitoraggio da satellite delle irrigazioni

Siccità: monitoraggio da satellite delle irrigazioni

Siccità: monitoraggio da satellite dell’uso dell’acqua per le irrigazioni ed il loro utilizzo ottimale. Sebbene sappiamo che usiamo più acqua per l’irrigazione che per qualsiasi altro singolo scopo, le pratiche di irrigazione non sono monitorate in tutto il mondo.

Uso dell’acqua per l’irrigazione

Si prevede che l’acqua necessaria per l’agricoltura aumenterà ulteriormente con il passare del tempo, quindi è imperativo gestire questa preziosa risorsa nel modo più efficace possibile. Gli scienziati hanno ora dimostrato che un modo ingegnoso di utilizzare le informazioni dai satelliti potrebbe aprire la strada alla misurazione della quantità di acqua che utilizziamo per irrigare, il che potrebbe successivamente portare a una migliore gestione.

Va da sé che noi esseri umani stiamo influenzando sempre più molti aspetti dell’equilibrio naturale della Terra, come il ciclo dell’acqua.

Più del 70% dell’acqua che attualmente preleviamo dalla superficie o dal sottosuolo è destinata all’irrigazione. Si prevede che la crescente popolazione mondiale e la crescente domanda di cibo, insieme alla crisi climatica, eserciteranno un’ulteriore pressione sulle risorse di acqua dolce.

Monitoraggio da satellite delle irrigazioni

Le pratiche di irrigazione sono scarsamente monitorate in tutto il mondo, il che è alquanto paradossale poiché è così che interferiamo prevalentemente direttamente con il ciclo dell’acqua.

Tuttavia, i satelliti che misurano il nostro pianeta dallo spazio offrono opportunità uniche per rispondere alla domanda su quanta acqua viene utilizzata per l’irrigazione.

Il progetto Science for Society Irrigation+

Un articolo pubblicato di recente sulla rivista Earth System Science Data riporta i risultati del progetto Science for Society Irrigation+ dell’ESA , che mira a mostrare come l’irrigazione può essere misurata dallo spazio.

Il progetto mira a dimostrare che utilizzando diverse missioni satellitari di osservazione della Terra, è possibile mappare e misurare l’irrigazione e rilevare i tempi stagionali.

Il team, guidato da scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche italiano e dell’Università di Perugia, si è basato su precedenti ricerche sull’utilizzo dei dati sull’umidità del suolo provenienti da missioni satellitari come SMOS dell’ESA e SMAP statunitense e informazioni sull’evapotraspirazione.

Hanno utilizzato una “tecnica di inversione” per trasformare questi dati satellitari relativamente grezzi nei primi set di dati regionali sull’acqua di irrigazione ad alta risoluzione.

Il lavoro sulle tre aree di test monitoraggio da satellite irrigazioni

Jacopo Dari, dell’Università di Perugia, ha dichiarato: “Abbiamo sviluppato questi set di dati per tre grandi bacini fluviali che sono irrigati in modo diverso e hanno condizioni climatiche diverse.”

L’animazione in apertura dell’articolo mostra l’irrigazione nel bacino del fiume Ebro nel nord-est della Spagna da maggio a settembre 2016-2020 (le stime del 2020 vanno solo fino a luglio).

siccità: immagini satellitari per monitoraggio irrigazione
Irrigazione ad Algerri-Balaguer, Spagna

Utilizzando i dati della missione radar Copernicus Sentinel-1 e una tecnica di inversione dell’umidità del suolo, abbiamo ottenuto stime di irrigazione con una risoluzione di 1 km sul bacino semiarido del fiume Ebro nel nord-est della Spagna e sulla pianura padana più umida nel nord Italia.”

Sul sito pilota del bacino di Murray-Darling nel sud-est dell’Australia, anch’esso semi-arido, otteniamo stime di irrigazione di una risoluzione di 6 km utilizzando i dati sull’umidità del suolo del Cyclone Global Navigation Satellite System della NASA“.

I set di dati di 1 km sulle due regioni europee vanno da gennaio 2016 a luglio 2020, mentre le stime sull’irrigazione per il bacino Murray-Darling vanno da aprile 2017 a luglio 2020.

I set di dati sono disponibili gratuitamente per il download.

Espen Volden dell’ESA ha aggiunto: “Siamo lieti che il nostro progetto Science for Society Irrigation+ abbia prodotto 23 pubblicazioni scientifiche su riviste peer-reviewed e i primi set di dati di irrigazione a griglia su scala regionale recuperati da osservazioni satellitari con una risoluzione spaziale adatta alla gestione delle risorse idriche in agricoltura .

“Potrebbero gettare le basi per lo sviluppo di un sistema per il monitoraggio dell’irrigazione dell’acqua ad alta risoluzione dallo spazio, che è molto necessario data la pressione a cui sono sottoposte le nostre riserve di acqua dolce ora e il fatto che saranno sotto pressione ancora maggiore in futuro .”

monitoraggio da satellite irrigazioni
Distretto di irrigazione Algerri-Balaguer, Spagna

Distretto di irrigazione Algerri-Balaguer, Spagna

L’animazione in alto mostra il distretto irriguo di Algerri-Balaguer, nel bacino del fiume Ebro, in Spagna. L’immagine di sfondo è stata acquisita dalla missione Copernicus Sentinel-2 il 3 agosto 2020 e la lavagna blu mostra ciò che è classificato come terreno irrigato in modo permanente dal set di dati Corine Land Cover 2018.

(Fonte: ESA)

POST CORRELATI DA CATEGORIA

Speciale Startup Easy Italiaspot_img

ULTIMI POST