HomeCultura & TurismoRealtà Aumentata per gli affreschi della Basilica di Santa Caterina

Realtà Aumentata per gli affreschi della Basilica di Santa Caterina

Le applicazioni di Realtà Aumentata per gli affreschi della Basilica di Santa Caterina d’Alessandria a Galatina, in provincia di Lecce.

Negli ultimi anni, alle tradizionali forme di fruizione del Patrimonio Culturale si sono affiancate altre più innovative e coinvolgenti, basate sull’utilizzo di nuove tecnologie capaci di arricchire l’esperienza di visita e di offrire agli utenti nuove modalità di esplorazione e di conoscenza.

La Realtà Aumentata

La Realtà Aumentata rappresenta un valido strumento per arricchire in maniera rilevante la visita di un territorio o di un luogo di interesse storico-artistico perché consente di arricchire il mondo reale con elementi e informazioni virtuali (immagini, testi, video, audio, elementi 3D), permettendo all’utente di percepirli come realmente presenti nell’ambiente inquadrato dalla fotocamera di un tablet o di uno smartphone.

Realtà Aumentata per gli affreschi della Basilica di Santa Caterina d’Alessandria

L’applicazione implementata per gli affreschi della Basilica di Santa Caterina d’Alessandria in Galatina (LE) è nata dall’esigenza di fornire ai visitatori uno strumento alternativo alla tradizionale visita guidata, capace di potenziare la fruizione attraverso percorsi di visita tematici e di agevolare la lettura dei cicli pittorici che ricoprono le pareti dell’edificio. L’applicazione mobile di realtà aumentata permette al visitatore di approfondire aspetti storico – artistici legati ad alcuni punti di interesse. La personificazione di Pietro Cavoti (1819 – 1890), artista e studioso galatinese che a lungo si è occupato della Basilica, guida l’utente attraverso undici punti di interesse e lo conduce alla scoperta di dettagli che riguardano la storia della committenza, l’iconografia e le tecniche artistiche impiegate per la realizzazione degli affreschi.

Scopo della ricerca

Lo scopo di questa ricerca è dimostrare come l’uso della tecnologia della Realtà Aumentata possa essere considerato un valido aiuto per sostenere la valorizzazione, la fruizione e la comprensione di un monumento molto importante per il settore dei beni culturali e punto di riferimento per la comunità locale e religiosa.

Per valutare l’applicazione sono stati condotti test sperimentali; i dati raccolti attraverso i questionari compilati dagli utenti hanno rivelato un buon livello di usabilità e di accettazione.

L’applicazione è stata sviluppata ricorrendo al software Vuforia di Qualcommm e al motore grafico Unity.

Video di presentazione:

Fonti bibliografiche:

  • Cisternino D., Corchia L., De Luca V., Gatto C., Liaci S., Scrivano L., Trono A., De Paolis L.T., Augmented Reality Applications to Support the Promotion of Cultural Heritage: the case of the Basilica of Saint Catherine of Alexandria in Galatina, ACM Journal on Computing and Cultural Heritage, Vol. 14, Issue 4, December 2021, ISSN 15564673, DOI: 10.1145/3460657
  • De Luca V., Corchia L., Gatto C., Paladini G.I., De Paolis L.T., An Augmented Reality Application for the Frescoes of the Basilica of Saint Catherine in Galatina, In: Furferi R., Governi L., Volpe Y., Seymour K., Pelagotti A., Gherardini F. (eds), The Future of Heritage Science and Technologies: ICT and Digital Heritage, Florence Heri-Tech 2022, Communications in Computer and Information Science, vol 1645, Springer, 2022, DOI: 10.1007/978-3-031-20302-2_9

(Fonte: AVR Lab)

Leggi anche:

POST CORRELATI DA CATEGORIA

Speciale Startup Easy Italiaspot_img

ULTIMI POST