HomeGeoINGV pubblica il Database Fotografico Macrosismico

INGV pubblica il Database Fotografico Macrosismico

L’INGV pubblica il suo archivio digitale di immagini sismiche: il database fotografico macrosismico. Il database è consultabile attraverso un sito dedicato allo straordinario archivio visivo testimone della recente storia sismica italiana.

Il Database Fotografico Macrosismico

Lanciato il Database Fotografico Macrosismico (DFM), una piattaforma web innovativa, liberamente consultabile, per il ricco archivio fotografico degli effetti dei terremoti su edifici, monumenti e sull’ambiente antropico in generale. Fotografie che rappresentano testimonianze tangibili della sofferenza delle società colpite dagli eventi sismici.

Il DFM rappresenta il risultato di anni di indagini e rilievi macrosismici condotti da ricercatori, tecnologi e tecnici dell’INGV, coinvolti attivamente nelle attività del gruppo operativo di emergenza QUEST (QUick Earthquake Survey Team). Esso si propone come un monumento virtuale alla resilienza e all’impegno della comunità scientifica nel documentare gli effetti dei terremoti e preservare questo prezioso patrimonio fotografico per le generazioni future.

L’archivio e la metodologia di catalogazione

La piattaforma, ora accessibile al pubblico, contiene oltre mille fotografie. Nato da un’idea sorta all’indomani del terremoto dell’Aquila, il team del DFM è impegnato nel continuo arricchimento del database, aggiungendo costantemente nuovi eventi.

Una delle caratteristiche distintive del progetto risiede nella sua metodologia di catalogazione. Il DFM adotta come riferimento la scala EMS-98 (European Macroseismic Scale – 1998), strumento fondamentale nell’indagine macrosismica. Questa scelta consente sia agli esperti specialisti, come sismologi e ingegneri, sia al pubblico generale, di accedere e comprendere le immagini in modo chiaro e informativo.

Il DFM non è solamente un archivio fotografico online; è una risorsa dedicata alla ricerca, conservazione, valorizzazione e promozione del patrimonio fotografico macrosismico. Attualmente comprende immagini provenienti da alcuni dei più significativi terremoti che hanno colpito l’Italia negli ultimi decenni e il suo sviluppo è in costante progresso.

La fotografia, come strumento di espressione immediata, rende il DFM accessibile a tutti, offrendo la possibilità di esplorare, imparare e confrontarsi con una ricca serie di immagini sismiche.

Il DFM è disponibile al seguente indirizzo: dfm.ingv.it.

Per ulteriori informazioni su QUEST (QUick Earthquake Survey Team): www.ingv.it/quest/.

(Fonte: INGV)

Leggi anche:

POST CORRELATI DA CATEGORIA

aprile, 2024

Speciale Startup Easy Italiaspot_img

ULTIMI POST