HomeGeoOsservazione satelliti Copernicus: 2023 l'autunno più caldo di sempre

Osservazione satelliti Copernicus: 2023 l’autunno più caldo di sempre

Copernicus: novembre 2023 – Continua l’anno straordinario, con l’autunno boreale più caldo. Il 2023 sarà l’anno più caldo mai registrato. Gli highlights delle temperature, le attuali situazioni idrogeologiche e idrologiche.

2023: l’autunno più caldo di sempre

Il 2023 si appresta a diventare l’anno più caldo mai registrato

autunno più caldo di sempre img 1

Anomalie mensili della temperatura globale dell’aria superficiale (°C) relative al periodo 1991-2020 da gennaio 1940 a novembre 2023, tracciate come serie temporali per ciascun anno. Il 2023 e il 2016 sono mostrati con linee spesse ombreggiate rispettivamente in rosso brillante e rosso scuro. Gli altri anni sono indicati con linee sottili e sfumate a seconda del decennio, dal blu (anni ’40) al rosso mattone (anni ’20). Fonte dati: ERA5. Credits: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Il Copernicus Climate Change Service(C3S), implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine, per conto della Commissione europea con i finanziamenti dell’UE, pubblica regolarmente bollettini climatici mensili che riportano i cambiamenti osservati nelle temperature globali dell’aria superficiale e del mare, copertura di ghiaccio marino e variabili idrologiche. Tutti i risultati riportati si basano su analisi generate al computer e secondo il set di dati di rianalisi ERA5, utilizzando miliardi di misurazioni provenienti da satelliti, navi, aerei e stazioni meteorologiche in tutto il mondo.

Novembre 2023 – gli highlights delle temperature

Novembre 2023 è stato il novembre più caldo mai registrato a livello globale, con una temperatura media dell’aria superficiale di 14,22°C, 0,85°C sopra la media del periodo 1991-2020 per novembre e 0,32°C sopra la temperatura del precedente novembre più caldo, nel 2020.

  • L’anomalia della temperatura globale per novembre 2023 è stata uguale a quella di ottobre 2023 e inferiore solo di 0,93°C rispetto all’anomalia registrata a settembre 2023.
  • Novembre 2023 è stato circa 1,75°C più caldo rispetto a una stima della media di novembre per il periodo 1850-1900, il periodo di riferimento preindustriale designato.
  • Per l’anno solare fino ad oggi, da gennaio a novembre, la temperatura media globale per il 2023 è la più alta mai registrata, 1,46°C superiore alla media preindustriale del periodo 1850-1900 e 0,13°C superiore alla media degli undici mesi del 2016. attualmente l’anno solare più caldo mai registrato.
  • La temperatura media della superficie del mare per novembre 2023, compresa tra 60° S e 60° N, è stata la più alta mai registrata per novembre, con 0,25° C più calda rispetto al secondo novembre più caldo del 2015.
  • L’evento El Niño è continuato nel Pacifico equatoriale, con anomalie inferiori a quelle raggiunte in questo periodo dell’anno nell’evento del 2015.

anomalie temperature img 2

Anomalie medie globali della temperatura dell’aria superficiale relative al periodo 1991-2020 per ciascun novembre dal 1940 al 2023. Dati: ERA5. Credits: C3S/ECMWF.

Autunno 2023 – Temperature principali

  • L’autunno boreale settembre-novembre 2023 è stato il più caldo mai registrato a livello globale, con una temperatura media di 15,30°C, superiore di 0,88°C rispetto alla media.
  • La temperatura media europea nel periodo settembre-novembre 2023 è stata di 10,96°C, ovvero 1,43°C sopra la media. Ciò ha reso l’autunno boreale del 2023 il secondo più caldo mai registrato, appena 0,03°C più freddo dell’autunno 2020.

autunno più caldo di sempre img 3

Anomalie della temperatura media globale giornaliera dell’aria superficiale (°C) relative ai valori stimati per il 1850-1900 tracciate come serie temporali per ogni anno dal 1 gennaio 1940 al 2 dicembre 2023. L’anno 2023 è mostrato con una spessa linea rossa. Gli altri anni sono indicati con linee sottili e sfumate a seconda del decennio, dal blu (anni ’40) al rosso mattone (anni ’20). Le linee orizzontali tratteggiate evidenziano il riferimento 1850–1900 e 1,5°C e 2°C sopra questo riferimento. Fonte dati: ERA5. Credits: C3S/ECMWF.

Secondo Samantha Burgess, vicedirettrice del Copernicus Climate Change Service (C3S): “Il 2023 ha avuto sei mesi da record e due stagioni da record. Le straordinarie temperature globali di novembre, inclusi due giorni più caldi di 2ºC rispetto a quelli preindustriali, significano che il 2023 è l’anno più caldo mai registrato nella storia”.

Inoltre, il direttore di C3S, Carlo Buontempo, aggiunge: “Finché le concentrazioni di gas serra continueranno ad aumentare, non possiamo aspettarci risultati diversi da quelli visti quest’anno. La temperatura continuerà ad aumentare, così come gli impatti delle ondate di caldo e della siccità. Raggiungere lo zero netto il più presto possibile è un modo efficace per gestire i nostri rischi climatici”.

Novembre 2023 – Highlights del ghiaccio marino

  • L’estensione del ghiaccio marino artico ha raggiunto l’ottavo valore più basso nel mese di novembre, al 4% sotto la media, ben al di sopra del valore più basso di novembre registrato nel 2016 (13% sotto la media).
  • L’estensione del ghiaccio marino antartico è stata la seconda più bassa nel mese di novembre, al 9% inferiore alla media, dopo aver raggiunto valori record per il periodo
    dell’anno con ampi margini per sei mesi consecutivi.

Novembre 2023 – Highlights idrologici

  • Nel novembre 2023 il clima è stato più piovoso della media in gran parte dell’Europa: la tempesta Ciarán ha colpito molte regioni, tra cui l’Italia, portando forti precipitazioni e inondazioni.
  • Condizioni più secche rispetto alla media si sono stabilite in diverse regioni degli Stati Uniti e dell’Asia centrale e orientale, nonché sulla maggior parte dell’emisfero meridionale extratropicale, particolarmente pronunciate in Sud America.

Autunno 2023 – Highlights idrologici

  • L’autunno boreale del 2023 ha visto precipitazioni superiori alla media su un’ampia fascia latitudinale in tutta Europa, così come sul Regno Unito e sull’Irlanda, sulla maggior parte della Scandinavia e della Turchia. Durante la stagione, diversi temporali hanno provocato piogge diffuse e inondazioni a livello locale.
  • Nel periodo da settembre a novembre 2023 il clima è stato più secco della media su gran parte del Nord America, sull’Asia centrale e orientale, nonché su gran parte dell’Australia, del Sud America e dell’Africa meridionale.
  • Le regioni extratropicali più umide della media includevano il nord-ovest del Mar Caspio e parti della Russia, la Cina più orientale, il Brasile meridionale, il Cile e il Corno d’Africa.
(Fonte: Copernicus ECMWF)
Leggi anche:

POST CORRELATI DA CATEGORIA

Speciale Startup Easy Italiaspot_img

ULTIMI POST